La paura al posto dell’amore

Se non vedi l’amore, non vedi te stesso, e devi aver paura dell’irrealtà perché hai negato te stesso. Credendo di aver attaccato con successo la verità, credi che l’attacco abbia potere. In parole povere, allora, sei giunto ad aver paura di te stesso. E nessuno vuole trovare ciò che crede lo distrugga.

Il piano del perdono

L’Espiazione (disfare la paura) è per tutti, perché è il modo per disfare la credenza che qualcosa sia solo per te. Perdonare è guardare oltre. Guarda, quindi, oltre l’errore e non permettere alla tua percezione di soffermarsi su di esso, perché crederai in ciò che la tua percezione sostiene. Se vuoi conoscere te stesso, accetta come vero solo ciò che tuo fratello è. Percepisci ciò che lui non è è non potrai sapere cosa sei, perché lo vedrai falsamente. Ricorda sempre che la tua Identità è condivisa, e che la Sua condivisione è la Sua realtà, questo è il piano di perdono.

Incontro santo

Quando incontri qualcuno, ricorda che è un incontro santo. Come vedrai lui, così vedrai te stesso. Nel modo in cui tratterai lui, così tratterà te stesso. Come penserai di lui, così penserai di te stesso. Non dimenticarlo mai, poiché in lui troverai o perderai te stesso. Ogniqualvolta due Figli di Dio si incontrano, viene data loro un’altra opportunità di salvezza. Non lasciare nessuno senza dagli salvezza e riceverla tu stesso. Poiché Gesù è sempre lì con te, in memoria di te.

Prigionia e libertà

Abbiamo detto che lo Spirito Santo ti insegna la differenza tra dolore e gioia. Questo è come dire che Egli ti insegna la differenza tra prigionia e libertà. Tu non puoi fare questa distinzione senza di Lui perché hai insegnato a te stesso che la prigionia è libertà. Come fai a distinguerle, dal momento che credi che siano la stessa cosa? Puoi forse chiedere alla parte della tua mente che ti ha insegnato a credere che sono la stessa cosa, di insegnarti in che modo si differenziano?

Tra Guerra e Pace

Ogni risposta all’ego è un richiamo alla guerra, e la guerra ti priva della pace. Eppure in questa guerra non c’è alcun avversario. Questa è la reinterpretazione della realtà che devi fare per assicurarti la pace, e la sola che avrai bisogno di fare. Coloro che percepisci come avversari sono parte della tua pace, alla quale rinunci attacandoli. Come puoi avere ciò a cui rinunci? Quando rinunci alla pace, ti escludi da essa. Questa è una condizione così aliena al Regno che non puoi capire lo stato che prevale al suo interno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: