Le credenze nocive

Ogni credenza che hai assorbito nel tuo sistema di pensiero deve avere avuto un inizio da qualche parte. E in effetti esse cominciano con un fare o con il creare, una differenza che ho già espresso in questo articolo. Entrambi gli aspetti del fare e creare sono importanti da comprendere, perché la differenza sta alla base del loro potere. Per poter comprendere affondo tali aspetti è bene capire le basi su cui poggiano. Perché entrambi sono pilastri fondamentali per i nostri sistemi di credenze nocive o meno, secondo i quali viviamo.

E’ un errore credere che un sistema di pensiero basato su bugie sia debole. In quanto ogni aspetto ha il suo potere, ed è fondamentale rendersene conto se no altrimenti sarà impossibile fuggire dalla propria prigione, che tra l’altro noi stessi abbiamo creato. Rendersi conto del proprio potere personale è comprendere appieno il potere mentale. Inizialmente porterà a disprezzare tale dono perché non si è capaci di gestire tale strumento e ti rendi conto che la tua mente non puoi indebolirla, non più di quanto tu possa indebolire Dio. La mente può rendere molto reale e molto spaventoso il credere nella separazione, e una di queste credenze nocive è stata chiamata “diavolo”.

Tutte le credenze sono reali per chi crede in esse

le credenze nocive

Nel nostro sistema di credenze abbiamo il concetto terrificante del “diavolo” in quanto sembra essere estremamente potente ed estremamente attivo. Viene riconosciuto come una forza in lotta con Dio, che lo combatte in quanto vuole avere il possesso assoluto delle Sue creazioni. Il diavolo inganna con menzogne, e costruisce regni in cui tutto è in diretta apposizione a Dio. Tuttavia il suo comportamento attrae gli uomini che invece dovrebbero ripudiarlo ed essi sono disposti a “vendergli” l’anima in cambio di doni senza alcun valore reale. Tutto questo però sembra non abbia alcun senso se ci pensiamo bene, ma tutte le credenze sono reali per chi crede in esse.

Il frutto di un solo albero è stato proibito nel Giardino dell’Eden, ma Dio non può averlo proibito o non avrebbe potuto essere mangiato. Perché se Dio conosce le sue creature, e vi assicuro che le conosce, li avrebbe forse messi nella situazione in cui la loro distruzione sarebbe stata possibile? L’albero proibito era chiamato “albero della conoscenza”, ma Dio ha creato la conoscenza e l’ha data liberamente alle Sue creazioni, senza impedirne loro l’accesso. 

Riconoscere l’autore della tua vita

Mangiare il frutto dell’albero della conoscenza è un espressione simbolica per appropriarsi della capacità di crearsi da sé. Puoi percepirti come se ti fossi creato da te, ma non puoi fare altro che crederci. Non puoi in nessun modo renderlo reale, e quando finalmente riconoscerai l’autore della tua vita potrai solamente gioirne ed essere contento di non potere. Fino ad allora, credere di potere è ciò che ci intralcia nel nostro sistema di pensiero. Tutte le difese sono usate per attaccare le idee che potrebbero portarla alla luce.

Come dicevo prima la mente può rendere molto reale e molto spaventoso il credere nella separazione. E una tra le credenze nocive e la credenza del diavolo che è indubbiamente in opposizione a Dio. Rispecchia appieno il nostro sistema di credenze nocive nel quale rinneghiamo la Paternità a Dio. Il tuo Sé nonostante questi conflitti continui non viene mai toccato, perché esso è in pace.

Non c’è morte, c’è il credere nella morte

Si prova una paura terrificante nel dover demolire un sistema di credenze nocive errato, quasi quanto alla paura della morte, ma di fatto non c’è morte, c’è il credere nella morte. Il ramo che non dà i suoi frutti verrà tagliato e seccherà, gioisci per questo! La luce splenderà dal vero Fondamento della vita, e il tuo sistema di pensiero resterà in piedi corretto, non può restare in piedi in nessun altro modo. Tu che hai paura della salvezza stai scegliendo la morte.

Luce e oscurità, vita e morte, conoscenza e percezione, sono inconciliabili, credere che possano essere riconciliate è credere che Dio è suo Figlio non possano. L’unico modo per essere libero dal conflitto è quello di entrare nella conoscenza. 

Il tuo Regno non è di questo mondo perché ti è stato dato da oltre questo mondo e non si lascia il mondo con la morte ma con la verità, e la verità può essere conosciuta da tutti coloro per i quali il Regno è stato creato, e per i quali aspetta.


le credenze nocive

“Non c’è oscurità in nessuna parte del Regno, ma il tuo ruolo è solo di non permettere all’oscurità di dimorare nella tua mente.”

Un Corso in Miracoli

le credenze nocive

Donazione

Se ti piace il mio lavoro e vuoi sostenermi, puoi farlo attraverso una piccola donazione. Grazie mille.

1,00 €


Introduzione a Un Corso In Miracoli
Il testo fondamentale del nuovo millennio spiegato al grande pubblico – Con tutti i termini del glossario
Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere
€ 10,80

Pubblicato da UniversaleAmore

Non cercare di cambiare il mondo, ma scegli di cambiare la tua mente riguardo al mondo. Il mondo addestra ad affidarsi al proprio giudizio come criterio di maturità e forza. Il nostro programma di studi insegna che abbandonare il giudizio è la condizione necessaria per la Salvezza."

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: