LA GIUSTA PERCEZIONE

Negli articoli precedenti ho cercato di parlare della percezione, che noi abbiamo del mondo, ma non mi sono soffermata sulla conoscenza. Il motivo è che prima che tu possa conoscere qualcosa, bisogna riconoscere che esiste una percezione errata e di conseguenza una giusta percezione. Quando si ha il bisogno di comprendere, ma solo se si ha una volontà ferrea, allora si apre il mondo della conoscenza. La conoscenza ha un potere forte, la percezione è temporanea.

La vera percezione

Esistono due tipi di percezioni: le percezioni false che producono paura, e le percezioni vere che alimentano l’amore. Ma ne l’una e nell’altra danno certezza perché ogni percezione varia. Questo è il motivo che attraverso la percezione non si entra nella vera conoscenza. La vera percezione può essere la base della vera conoscenza. Ma conoscere è affermare la verità e non si basa su nessuna percezione, ma su di un dato oggettivo.

Tutte le difficoltà derivano da una mancata connessione con la Sorgente Divina. In questo stato non riesci a riconoscere te stesso, tuo fratello e il tuo Creatore. Riconoscere letteralmente significa “conoscere di nuovo” e questo implica che tu allora già conoscevi, ma hai scordato chi sei.

La percezione al difuori di te, ti porta ad interpretare ciò che accade esteriormente. Ma questo implica che ciò che osservi non è mai completo o coerente. Perché lo stato d’animo di un essere umano può cambiare in ogni istante in base all’emozione che la mente trasmette. Può percepire il mondo giusto o sbagliato, buono o cattivo in base a ciò che crede sia vero in un determinato momento.

Mettere in discussione le illusioni è il primo passo per disfarle. 

Partiamo dal presupposto certo che se attacchi l’errore in un altro, ferirai sempre e comunque te stesso. L’altro non è il tuo nemico e devi iniziare a comprendere che è una parte indivisibile di te, come lo è d’altronde il tuo Creatore. Come diceva Gesù: bisogna avere occhi per guardare ed orecchie per intendere. Ecco perché è indispensabile smantellare le vecchie credenze per far spazio alla vera conoscenza che ti renderà libero. Perché le capacità che ora possiedi sono solo ombre della tua vera forza.

Dopo la separazione dalla Sorgente Divina si è venuto a creare un ego. Fatto di incertezze e dubbi, capace solo di fare domande, ma di non saper ascoltare risposte significative. L’ego è un tentativo basato sulla mente sbagliata di percepirti come vorresti essere piuttosto che come sei realmente. La Mente è quindi confusa perché non riconoscendosi parte del Tutto, si sente scissa e separata, nella quale l’attacco è sempre possibile. In questo stato confusionario si vive in una condizione di paura costante, ed hai tutte le ragioni di provare paura per come ti percepisci.

La giusta percezione

La Giusta Percezione

La mente ritorna alla sua giusta funzione solo quando vuole conoscere. La capacità di percepire ha reso possibile la funzione di un corpo. Perché devi percepire qualcosa e con qualcosa, e quale strumento migliore se non il tuo apparato fisico per fare questa magnifica esperienza? Il problema fondamentale è che tu hai dato interpretazione del tuo corpo come di te stesso. In un tentativo di sfuggire al conflitto che hai provocato. Mentre l’unico posto dove dovrai cercare per poterti identificare è dentro te stesso. Questo rende lo spirito quasi inaccessibile alla mente e interamente inaccessibile al corpo.

Gesù è stato un uomo che ha ricordato che lo spirito è la sua conoscenza. In quanto uomo non ha contrastato l’errore con la conoscenza. Ma ha dato esempio di come il corpo sia impotente, e quanto sia forte il potere della mente. Solo le tue percezioni errate ti sbarrano la strada.

“Molti sono chiamati e pochi sono gli eletti” dovrebbe essere “tutti sono chiamati ma pochi scelgono di ascoltare“. Dio ti conoscere solo in pace è questa è l’unica realtà che esista.


la Giusta Percezione

“Non c’è oscurità in nessuna parte del Regno, ma il tuo ruolo è solo di non permettere all’oscurità di dimorare nella tua mente.”

Un Corso in Miracoli

la Giusta Percezione

Donazione

Se ti piace il mio lavoro e vuoi di sostenermi, puoi farlo invitandomi un caffè. Grazie mille.

1,00 €


Un Corso in Miracoli
Edizione unificata e rivista. Prefazione; testo; libro degli esercizi; manuale per gli insegnanti; chiarificazione dei termini; supplementi
Voto medio su 24 recensioni: Da non perdere
€ 54,90

Pubblicato da UniversaleAmore

Non cercare di cambiare il mondo, ma scegli di cambiare la tua mente riguardo al mondo. Il mondo addestra ad affidarsi al proprio giudizio come criterio di maturità e forza. Il nostro programma di studi insegna che abbandonare il giudizio è la condizione necessaria per la Salvezza."

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: