La decisione di dimenticare

A meno che tu dapprima non conosca qualcosa, non puoi dissociartene. La conoscenza deve precedere la dissociazione, cosicché la dissociazione non è altro che una decisione di dimenticare. Ciò che è stato dimenticato, sembra quindi far paura, ma solo perché la dissociazione è un attacco alla verità. Hai paura perché hai dimenticato. Ed hai sostituito la tua conoscenza con una consapevolezza di sogni, poiché hai paura della tua dissociazione, non di quello da cui ti sei dissociato. Quando ciò da cui ti sei dissociato viene accettato, smette di far paura.

Tuttavia rinunciare alla dissociazione della realtà comporta più di una semplice assenza di paura. In questa decisione si trovano la gioia, la pace, e la gloria della creazione. Offri allo Spirito Santo soltanto la tua disponibilità a ricordare, perché Egli serba per te la conoscenza di Dio e di te stesso, in attesa della tua accettazione. Rinuncia lietamente a tutto ciò che ostacola il tuo ricordare, poiché Dio è nella tua memoria. La Sua Voce ti dirà che sei parte di Lui quando sarai disposto a ricordarLo e a conoscere nuovamente la tua realtà. Non permettere a nulla di questo mondo di ritardare il tuo ricordarti di Lui, perché in questo ricordare è la conoscenza di te stesso.

Ricordare è semplicemente ripristinare nella tua mente ciò che è già lì.

la decisione di dimenticare

Tu non fai quello che ricordi, semplicemente accetti di nuovo ciò che è già lì, ma che è stato rifiutato nella decisione di dimenticare. La capacità di accettare la verità in questo mondo è la controparte percettiva del creare nel Regno. Dio farà la Sua parte se tu farai la tua ed il Suo ritorno in cambio del tuo è lo scambio della percezione con la conoscenza. Oltre la Sua Volontà per te non c’è nulla. Ma manifesta la tua volontà di ricordarlo e guarda! Ti darà tutto, se solo lo chiederai.

Quando attacchi neghi te stesso. Ti stai insegnando in modo specifico che non sei ciò che sei. La tua negazione della realtà preclude l’accettazione del dono di Dio, poiché hai accettato qualcos’altro al suo posto. Se capisci che questo è sempre un attacco alla verità, e la verità è Dio, ti renderai conto del perché faccia sempre paura. Se riconoscerai inoltre che sei parte di Dio, capirai perché attacchi sempre te stesso per primo.

Ogni attacco è un attacco contro il proprio Sé. Non può essere niente altro. Provenendo dalla tua decisione di non essere ciò che sei, è un attacco contro la tua identificazione. L’attacco è, così, il modo in cui perdi la tua identificazione, perché quando attacchi devi aver dimenticato ciò che sei. E se la tua realtà è quella di Dio, quando attacchi non Lo stai ricordando. Ciò non accade perché Egli è scomparso, ma perché stai attivamente scegliendo di non ricordarLo.

La decisione di dimenticare

Se ti rendessi conto di come ciò distrugge completamente la pace della tua mente non potresti prendere una decisione così folle. La prendi soltanto perché credi ancora che possa farti ottenere qualcosa che vuoi. Ne consegue, quindi, che vuoi qualcosa di diverso dalla pace della tua mente, ma non hai riflettuto su cos’è. Tuttavia il logico risultato della tua decisione è perfettamente chiaro, se solo vuoi guardarlo. La decisone di dimenticare va contro la tua realtà. Ti sei reso vigile contro Dio e il Suo Regno. Ed è questa vigilanza che ti fa aver paura a ricordarLo.


La decisione di dimenticare

“Non c’è oscurità in nessuna parte del Regno, ma il tuo ruolo è solo di non permettere all’oscurità di dimorare nella tua mente.”

Un Corso in Miracoli

la decisione di dimenticare

Donazione

Se ti piace il mio lavoro e vuoi sostenermi, puoi farlo attraverso una piccola donazione. Grazie mille.

1,00 €


Introduzione a Un Corso In Miracoli
Il testo fondamentale del nuovo millennio spiegato al grande pubblico – Con tutti i termini del glossario
Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere
€ 10,80

Pubblicato da UniversaleAmore

Non cercare di cambiare il mondo, ma scegli di cambiare la tua mente riguardo al mondo. Il mondo addestra ad affidarsi al proprio giudizio come criterio di maturità e forza. Il nostro programma di studi insegna che abbandonare il giudizio è la condizione necessaria per la Salvezza."

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: