Grandezza contrapposta a grandiosità

La grandezza è di Dio, è solo Sua. Quindi è in te. Ogniqualvolta ne diventi consapevole, per quanto debolmente, abbandoni automaricamente l’ego, perché in presenza della grandezza di Dio l’insignificanza dell’ego diventa perfettamente evidente. Quando questo accade, anche se non comprende, l’ego crede che il suo “nemico” abbia colpito, e cerca di offrire doni per indurti a ritornare sotto la sua “protezione”. La vanagloria è l’unica offerta che possa fare. La grandiosità dell’ego è la sua alternativa alla grandezza di Dio. La grandezza contrapposta a grandiosità fa parte degli accadimenti del tempo, e non toccano ciò che è reale ed eterno.

La grandiosità è sempre una copertura della disperazione. È senza speranza perché non è reale. È un tentativo di contrastare la tua piccolezza, basato sul credere che la piccolezza sia reale. Se non ci credessi la grandiosità sarebbe senza significato, e non sarebbe possibile che tu la possa volere. L’essenza della grandiosità è la competitività, perché implica sempre l’attacco. È un tentativo delirante di superare, ma non di disfare. Abbiamo detto nell’articolo precedente che l’ego vacilla tra l’essere sospettoso e l’essere malvagio. Rimane sospettoso finché disperi di te stesso. Cambia in malvagità quando decidi di non tollerare l’umiliazione che tu stesso ti infliggi e cerchi sollievo. Allora ti offre l’illusione dell’attacco come “soluzione”.

La differenza tra grandezza contrapposta a grandiosità

Grandezza contrapposta a Grandiosità

L’ego non comprende la differenza tra grandezza e grandiosità, perché non vede alcuna differenza tra gli impulsi al miracolo e le sue stesse credenze che gli sono aliene. Ti ho detto che l’ego è inconsapevole della minaccia alla sua esistenza, ma non fa distinzione tra questi due tipi molto diversi di minaccia. Il suo profondo senso di vulnerabilità lo rende incapace di giudizio se non in termini di attacco. Quando l’ego si sente minacciato, la sua sola decisione è se attaccare subito o se ritirarsi per attaccare più tardi. Se accetti la sua offerta di grandiosità, attaccherà immediatamente. Se no, aspetterà.

L’ego è immobilizzato in presenza della grandezza di Dio perché la Sua grandezza stabilisce la tua libertà. Perfino il più vago accenno della tua realtà scaccerà letteralmente l’ego dalla tua mente, perche rinuncerà ad ogni investimento in esso. La grandezza è totalmente senza illusioni e siccome è reale è irresistibilmente convincente. Tuttavia la convinzione della realtà non rimarrà con te a meno che tu impedisca all’ego di attaccarla.

L’ego farà ogni forzo per ristabilire e mobiliterà le sue energie contro la tua liberazione. Ti dirà che sei folle, e argomenterà che la grandezza contrapposta a grandiosità non può essere una parte reale di te a causa della piccolezza nella quale crede. Tuttavia la tua grandezza non è illusoria perché non l’hai fatta tu. Tu hai fatto la grandiosità è ne hai paura perché è una forma di attacco, ma la tua grandezza viene da Dio, Che l’ha creata dal Suo Amore.

La tua grandezza

Dalla tua grandezza puoi solo benedire, perché la tua grandezza è la tua abbondanza. Benedicendo la tieni in mente, proteggendola dalle illusioni e mantenendoti nella Mente di Dio. Ricorda sempre che non puoi essere in nessun altro luogo eccetto che nella Mente di Dio. Quando ti dimenticherai ciò, ti dispererai e attaccherai.

L’ego dipende unicamente dalla tua disponibilità a tollerarlo. Se sei disposto a vedere la tua grandezza non puoi disperarti, e quindi non puoi volere l’ego. La tua grandezza è la risposta di Dio all’ego, perché è vera. Piccolezza è grandezza non possono coesistere, né è possibile che si alternino. Piccolezza e grandiosità possono e devono alternarsi, poiché entrambe non sono vere e quindi sono sullo stesso livello. Essendo il livello del mutamento, viene vissuto come mutevole e gli estremi sono la sua caratteristica essenziale.

La verità

Verità e piccolezza sono negazioni l’una dell’altra perché la grandezza è verità. La verità non vacilla: è sempre vera. Quando la grandezza ti scivola via, l’hai sostituita con qualcosa che hai fatto tu. Forse è il credere nella piccolezza; forse è il credere nella grandiosità. Tuttavia deve essere folle perché non è vero. La tua grandezza non ti ingannarà mai, ma le tue illusioni lo faranno sempre. Le illusioni sono inganni. Non puoi trionfare, ma sei esaltato. E nel tuo stato esaltato cerchi altri come te e gioisci con loro.

È facile distinguere la grandezza dalla grandiosità, perché l’amore è restituito e l’orgoglio no. L’orgoglio non produrrà miracoli, e quindi ti proverà dei veri testimoni della tua realtà. La verità non è oscura né nascosta, ma la sua ovvietà per te sta nella gioia che rechi ai suoi testimoni, che te la mostrano. Essi attestano la tua grandezza, ma non possono attestare l’orgoglio perché l’orgoglio non è condiviso. Dio vuole che tu veda ciò che Egli ha creato perché è la Sua gioia.

Grandezza contrapposta a grandiosità

Può forse la tua grandezza essere arrogante se Dio Stesso né è testimone? E cosa può essere reale se non ha testimoni? Che bene può derivarne? E se nessun bene può venirne, lo Spirito Santo non può usarla. Ciò che Egli non può trasformare nella Volontà di Dio non esiste affatto. La grandiosità è delirante perché è usata per sostituire la tua grandezza. Tuttavia ciò che Dio ha creato non può essere sostituito. Dio è incompleto senza di te perché la Sua grandezza è totale, e tu non puoi esserne escluso.

Tu sei del tutto insostituibile nella Mente di Dio. Nessun altro può prendere il tuo posto in essa, e mentre lasci vuota la tua parte in essa, il tuo posto eterno aspetta semplicemente il tuo ritorno. Dio, attraverso la Sua Voce, te lo ricorda, e Dio Stesso mantiene le tue estensioni al sicuro al suo interno. Tuttavia non le conoscerai finché non vi ritornerai. Non puoi sostituire il Regno è non puoi sostituire te stesso. Dio, Che conosce il tuo valore, non vuole che sia così, e quindi non è così. Il tuo valore è nella Mente di Dio è quindi non solo nella tua. Accettare te stesso così come Dio ti ha creato non può essere arroganza, perché è la negazione dell’arroganza. Accettare la tua piccolezza è arrogante, perché significa che credi che la tua valutazione di te stesso sia più vera di quella di Dio.

Non sei tu a determinare il tuo valore

Tuttavia, se la verità è indivisibile, la tua valutazione di te stesso deve essere quella di Dio. Tu non hai stabilito il tuo valore ed esso non ha bisogno di alcuna difesa. Nulla lo può attaccare né può prevalere su di di esso. È immutabile. Semplicemente è. Chiedi allo Spirito Santo che cos’è e te lo dirà, ma non avere paura della Sua risposta, perché proviene da Dio. È una risposta eminente a causa della Sua Fonte, ma la Fonte è vera e così lo è la Sua risposta. Ascolta e non mettere in dubbio ciò che senti, perché Dio non inganna. Vuole che tu sostituisca la credenza dell’ego nella piccolezza con la Sua eminente Risposta a ciò che sei, cosicché tu possa smettere di dubitarne e la conosca per ciò che è.


“Non c’è oscurità in nessuna parte del Regno, ma il tuo ruolo è solo di non permettere all’oscurità di dimorare nella tua mente.”

Un Corso in Miracoli

Grandezza contrapposta a Grandiosità

Donazione

Se ti piace il mio lavoro e vuoi sostenermi, puoi farlo attraverso una piccola donazione. Grazie mille.

1,00 €


Vedere in Consapevolezza
Piccoli, semplici accorgimenti per imparare a guardare in profondità la natura delle cose, le emozioni e noi stessi
€ 10,00

Pubblicato da UniversaleAmore

Non cercare di cambiare il mondo, ma scegli di cambiare la tua mente riguardo al mondo. Il mondo addestra ad affidarsi al proprio giudizio come criterio di maturità e forza. Il nostro programma di studi insegna che abbandonare il giudizio è la condizione necessaria per la Salvezza."

4 pensieri riguardo “Grandezza contrapposta a grandiosità

      1. Noi siamo artefici della nostra esistenza nella misura in cui prendiamo atto del libero arbitrio che possediamo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: