Che i miracoli sostituiscano tutti i rancori

Esercizo N°78

ESERCIZIO N°78

Che i miracoli sostituiscano tutti i rancori.

Un Corso in Miracoli

Forse non ti è abbastanza chiaro che ogni decisione che prendi è tra un rancore o un miracolo. Ogni rancore si erge come uno scudo oscuro di odio di fronte al miracolo che vuol nascondere. E finché lo innalzerai davanti ai tuoi occhi non vedrai il miracolo che c’è oltre. Tuttavia nel frattempo esso ti aspetta nella luce, ma tu invece vedi i tuoi rancori.

Prima di proseguire ti ricordo che se sei giunto su questa pagina per caso, e desideri iniziare a fare un percorso nella Bellezza, lontano da tutte le sofferenze, paure, depressioni etc. è bene che tu legga la premessa nell’articolo L’Introduzione agli Esercizi e solo dopo iniziare a camminare sul sentiero della libertà. Questo perché il percorso è strutturato da piccoli passi quotidiani e per comprendere tutto il cammino bisogna partire dal principio.

Oggi andiamo oltre i rancori, per vedere invece il miracolo. Capovolgeremo il modo in cui vedi non permettendo alla vista di fermarsi prima di vedere. Non aspetteremo davanti allo scudo di odio, ma lo deporremo e dolcemente leverei gli occhi in silenzio per vedere il Figlio di Dio.

Egli ti attende dietro i tuoi rancori, e quando li deporrai egli apparirà nella luce splendente dove prima ognuno si trovava. Perché ogni rancore è un ostacolo alla vista e quando si solleverà vedrai il Figlio di Dio dove è sempre stato. Egli sta nella luce, mentre tu eri nell’oscurità. Ogni rancore ha reso più profonda l’oscurità, e tu non potevi vedere.

Oggi tenteremo di vedere il Figlio di Dio. Non permetteremo a noi stessi di essere ciechi nei suoi confronti; non vedremo i nostri rancori. Così il modo di vedere il mondo viene rovesciato quando guardiamo in direzione della verità, lontano dalla paura. Sceglieremo una persona che hai usato come bersaglio per i tuoi rancori, lasceremo da parte i rancori e la guarderemo. Qualcuno, forse, di cui hai paura o che addirittura odi; qualcuno che pensi di amare e che ti ha fatto arrabbiare; qualcuno che chiami amico, ma che vedi a volte difficile o arduo compiacere, esigente, irritante o falso rispetto all’ideale che egli dovrebbe accettare come suo, secondo il ruolo che tu gli hai assegnato.

Che i miracoli sostituiscano tutti i rancori

Sai già chi scegliere: il suo nome ti ha già attraversato la mente. Sarà colui del quale chiediamo ti sia mostrato il Figlio di Dio. Vedendolo al di là dei rancori che hai serbato contro di lui, imparerai che ciò che si trovava nascosto mentre non lo vedevi è lì in tutti, e può essere visto. Colui che era un nemico e più che un amico una volta libero di assumere il santo ruolo che lo Spirito Santo gli ha assegnato. Lascia che oggi egli sia il tuo salvatore. Tale è il suo ruolo nel piano di Dio tuo Padre.

Oggi i nostri periodi di pratica più lunghi lo vedranno in questo ruolo. Cercherai di tenerlo in mente, dapprima così come ora la consideri. Rivedrai i suoi sbagli, le difficoltà che hai avuto con lui, il dolore che ti ha causato, la sua negligenza e tutte le ferite piccole e più grandi che ti ha inferto. Considererai il suo corpo con i suoi difetti e anche i suoi aspetti migliori e penserai ai suoi errori e anche ai suoi “peccati”.

Poi chiediamo a Colui Che conosce questo Figlio di Dio nella sua realtà e verità, di poterlo guardare in modo diverso, e di vedere il nostro salvatore risplendere nella luce del vero perdono, che ci è dato. Lo Chiediamo a Lui nel Nome santo di Dio e di Suo Figlio, santo come Lui:

Che io veda il mio salvatore in costui, che Tu hai designato come colui al quale chiedere di condurmi alla luce santa nella quale si trova, affinché io possa unirmi a lui.

Gli occhi del corpo saranno chiusi, e mentre penserai a colui che ti ha afflitto, lascerai che alla tua mente sia mostrata la luce che è in Lui al di là dei tuoi rancori.

Ciò che hai chiesto non può essere negato. Il tuo salvatore ha lungamente atteso ciò. Egli vuol essere libero e fare tua la sua libertà. Lo Spirito Santo si protende da lui verso di te, senza vedere alcuna separazione nel Figlio di Dio. E ciò che vedi attraverso di Lui vi libererà entrambi. Sii molto quieto ora, e vedi il tuo splendente salvatore. Nessun oscuro rancore ne oscura la vista. Hai permesso allo Spirito Santo di esprimere attraverso di Lui il ruolo che Dio Gli ha assegnato, affinché tu potessi essere salvato.

Dio ti ringrazia per questi momenti tranquilli in cui oggi hai lasciato da parte le tue immagini, ed hai visto il miracolo dell’amore che lo Spirito Santo ti ha mostrato al loro posto. Il mondo ed il Cielo si uniscono nel ringraziarti, perché ogni singolo Pensiero di Dio non può che rallegrarsi se tu sei salvo, e tutto il mondo con te.

Lascia che il ruolo di salvatore sia assegnato a tutti coloro che incontri

C’è lo ricorderemo per tutta la giornata, ed assumeremo il ruolo assegnatoci in quanto parte del piano di Dio per la salvezza, e non il nostro. La tentazione cadrà quando permetteremo ad ogni persona che incontreremo di salvarci, e rifiuteremo di nascondere la sua luce dietro i nostri rancori. Lascia che il ruolo di salvatore sia assegnato a tutti coloro che incontri, e a coloro cui pensi o che ricordi dal passato, cosicché tu possa condividerlo con lui. Per entrambi, e per tutti coloro che non vedono, preghiamo:

Che i miracoli sostituiscano tutti i rancori.


Che i miracoli sostituiscano tutti i rancori

“Il mondo addestra ad affidarsi al proprio giudizio come criterio di maturità e forza. Il nostro programma di studi insegna che abbandonare il giudizio è la condizione necessaria per la Salvezza.

Un Corso in Miracoli

Donazione

Se ti piace il mio lavoro e vuoi sostenermi, puoi farlo attraverso una piccola donazione. Grazie mille.

1,00 €


Un Corso in Miracoli
Edizione unificata e rivista. Prefazione; testo; libro degli esercizi; manuale per gli insegnanti; chiarificazione dei termini; supplementi
Voto medio su 24 recensioni: Da non perdere
€ 54,90

Pubblicato da UniversaleAmore

Non cercare di cambiare il mondo, ma scegli di cambiare la tua mente riguardo al mondo. Il mondo addestra ad affidarsi al proprio giudizio come criterio di maturità e forza. Il nostro programma di studi insegna che abbandonare il giudizio è la condizione necessaria per la Salvezza."

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: